sabato 2 settembre 2017

Intensità

L'essere cerca intensità. Così iniziava il piccolo libro della centratura. Forse oggi avrei usato parole leggermente differenti rispetto a quelle di due anni fa, eppure la sostanza non è cambiata. Che lo si chiami essere, anima o Sé, la sostanza non cambia affatto. L'essere vive attraverso ogni esperienza di vita, positiva e negativa. Non ho mai inteso l'intensità come emozioni positive o esperienze 'belle'. Non perché la bellezza non sia contemplata nella ricerca di questo nostro Sé più grande ma perché in effetti in quelle frequenze non c'è più distinzione fra bello e brutto, fra male e bene, fra piacere e dolore. Questa è la più difficile e dolorosa consapevolezza da far nostra se vogliamo sperare di essere di più di ciò che realmente siamo. L'unica speranza che abbiamo per vivere una vita più vasta, con più potere, è proprio rinunciare a ciò che rende piccola, contratta e pesante la vita stessa e cioè tutti i nostri giudizi su ciò che dovrebbe e non dovrebbe essere. Tutte le nostre presuntuose certezze su ciò che il mondo e gli altri, compresi i nostri partner, amici o compagni, dovrebbero o non dovrebbero essere. E questo sfida la ragione, sfida le certezze umane e il nostro affidarci ad esse. Sfida i nostri bisogni di approvazione, controllo e sicurezza. Ma è solo andando contro questi e percependo il terrore che deriva dall'essere senza punti di riferimento interni, che possiamo scoprire l'illusorietà di quel terrore e il fatto conclamato che proprio quel terrore è lì solo per difendere la piccola isola che il concetto che abbiamo di noi stessi ha costruito. E l'intensità è quella capacità necessaria per godersi il viaggio, qualsiasi cosa questo viaggio sembri portare. E' la capacita di essere senza attaccamenti e senza avversioni, la voglia e la volontà di non perdersi nulla eppure di non possedere nulla. Essere nell'intensità prima o poi ti porta a vivere un fatto straordinario, ancor più straordinario se pensi che era sempre stato sotto il tuo naso. Che tu non sei questo corpo, questi pensieri e queste emozioni. Non sei questa vita. Che oltre ad essere più grande hai anche più possibilità e capacità. Ma questo fatto non sarà e non potrà essere un ragionamento filosofico né una convinzione mentale. Sarà una realtà vissuta nella carne, e a quel punto essa avrà già iniziato a cambiare la tua esistenza mostrandotene le reali dimensioni.


Nessun commento:

Posta un commento